La domanda maieutica — Socratic question

Questa pratica è caratteristica della pratica filosofica e anche della formazione per gli adulti fatta dal CPP.

Può essere usata in diversi contesti, meglio se il numero di partecipanti, non eccessivo, lasci il tempo necessario ai partecipanti per elaborare le loro risposte. La domanda maieutica non ha una risposta esatta, non mira a una conoscenza valida per tutti, ma aiuta ogni soggetto a orientarsi verso le proprie personali risposte.

Nei Laboratori Genitori Consapevoli è stata usata varie volte rispetto ai temi: autonomia, regole, socialità. Può essere usata in combinazione con la pratica dell’esercizio dei ruoli di protagonista e di ascoltatore oppure con la pratica di scrittura individuale.

 

 This practice is characteristic of the philosophical practice and also of training made by the CPP.
The name Maieutic question comes from greek philosophy and mean the art of midwife, the art of the mother of Socrates.
It can be used when the participants are not too many, so that there is enough time to listen do the different answers. The maieutic question does not have an exact answer, it does not aim at a knowledge that is valid for everyone, but it helps each subject to orient himself towards his own personal answers. In Mindfulness in Parenting Workshops it has been used several times in relation to the themes: autonomy, rules, sociality. It can be used in combination with the practice of the roles of protagonist and listener or with the practice of individual writing and others.

 

Leave a Reply